15 49.0138 8.38624 1 0 4000 1 https://justsarablog.com 200 true 0
theme-sticky-logo-alt

{:en}You want to take the dog to the States, but you don’t want to put it in the cargo area? Luckily there’s Curnard, the cruise for you and your dog!{:}{:it}Vuoi portare il cane negli Stati Uniti, ma non vuoi metterlo nella stiva dell’aereo? Per fortuna c’è Curnard, la crociera per te e il tuo cane!{:}

{:en}

Today I want to talk to you about a very important experience of my life. My transatlantic cruise with the Cunard company. But let’s start from the beginning. It’s been more than two years since my husband and I finally decided to move from Italy to the States, after having been lucky enough to win the green card at the Lottery, the various procedures, interview at the consulate, waiting for the positive answer and then finally the certainty of having it. There we had to think seriously about what to do, how to move and also SE seize this opportunity or stay in Italy close to our families, relatives, friends while keeping our jobs fixed and continue to look for home to buy. But in the end we decided that destiny had given us an opportunity and that at least we should try, so from there we had to think well about how to move, what to do, when, how, where. Our main thought was our hairy child, our dog Albert! Unfortunately, a lot of people who also have dogs never understood us too much and asked us what the problem was. “Go and leave the dog here, don’t you?” And indeed the question for them was really rhetorical, I still remember how lightly they told us phrases like: “The dog you leave to your mom, right?” Or when we said that we would find a way to bring it, they would look at us as if we were crazy. But I don’t want to judge them, we’re not all the same! Albert is really everything to us, he is our family, and since 4 and a half years ago he became part of our life, he is 100% part of it, from that August 10, 2014 we are three in the family so, the holidays, hotels to book, restaurants, in short, whatever we have always tried to organize in dog friendly places where we could all be together. I admit that the only time we didn’t bring it is a week in the Maldives during our honeymoon, it was with my mom that we heard every day to know how she was. In short, this is to make you understand how we are. Albert is a crossbreed that unfortunately for a few kilos exceeds the maximum weight of the allowed to take him by plane with us (the limit in most Italian companies is 8/10 kilos including the cage, he weighs 12) and the idea of putting him in the hold of the plane, in the middle of the suitcases, 9 hours of flight, alone, with limited air, treated as a piece of luggage, leave it only from the time of check-in hours before departure, locked in a cage. But as if it wasn’t enough reading on the internet how many stories of dogs / cats who died for being in the hold? For lack of oxygen? To risk Albert’s life even if it were a small chance? Never! And that’s when we found the solution! Curnard! Cunard is an ultra luxurious transatlantic cruise, the only difference from a normal cruise is that for obvious reasons there are no stops, traveling in the middle of the ocean. The ship departs from Southampton, England. So we arranged this trip in detail about six months before, we took the tickets for the ship, and we asked friends and family who had the pleasure of sharing the trip by car with us so we could accompany and then come back with our car. Some of our friends were super available and we did 14 hours and a half by car, traveling during the night and taking turns in driving and to have moments of rest (I was not driven, there were already men 😉 ) anyway we left on the 17th from home, we stayed in a small hotel near the port and on November 19 we embarked on our adventure. The ship does the same route as the Titanic, but don’t get upset. It’s beautiful, super luxurious, has large cabins and with every comfort imaginable. You can eat 24 hours a day. Food quality and that changes every day, there is either the buffet or the a la carte restaurant, all in the price. The nice thing is the area of the dogs, which in the end is why we and other owners of 11 other dogs took us there! Unfortunately the bad thing is that your 4-legged friends can not stay with you in the cabin, that is not, but they have this area dedicated to them. They are berths/cabins where they are going to sleep.

Unfortunately at first I did not take very well the separation from my little 8pur knowing that he would not be with us), considering that he besides staying with us all day, he sleeps in bed usually clinging to me and the idea of putting him in a metal cage made me drop two tears. I must say, however, that it is a matter of habit, both for us and for them, already because even in the days with the roughest sea, where my husband also had seasickness, Albert has never suffered, even with the storm he and the other dogs felt nothing. It may also be because the area of the dogs is located in the area behind the ship, which remains more protected, on the contrary we as cabin were rather in front. And you may ask yourself: But how does it work? Then there are usually guys from the Philippines who take care of them, and we masters had visiting hours that were three times a day for a couple of hours. Morning, afternoon and evening. In those moments the dogs were taken for a walk in the outdoor area, to make them do the needs for the collection of which the boys who take care of the dogs take care of. Then there is the internal area where there are comfortable sofas and armchairs where you can spend most of your time with our dogs (also because outside in November we say it was not hot). Then there is the time for food twice a day, and the Cunard boys take care of that too, they ask you to leave before the brand of dog food and if it is one of the main brands they even provide you with it, and every day they give you either fresh salmon or chicken. Albert always ate salmon and of course he was crazy about it. All in all, it was extra luxury for him too.

Of course there was always that moment of sadness after visiting hours, or at night when he was not with us, but we knew that he was in a warm, safe place, where he was well and in the company of other friends. Although he doesn’t get along with other dogs, we always managed not to make him argue. The maximum limit of dogs is 12, so for this you have to book first, to be sure you have the berth, of which there are two sizes, large or small. For us humans instead? There is everything: cinema, theater, reading rooms, rooms for board games, indoor pool, outdoor pools, whirlpool, sauna, in short, any kind of comfort. There were various themed evenings, such as the 1920s evening or the gala evening. But we spent most of our time eating (really good food) and going to our puppy. You can not hear the time zone, because the time changes by one hour, once a day and is super positive! When you pass the area where the Titanic sank it’s exciting because a siren sounds and the commander tells the story, like goose bumps. We also managed to see a whale, dolphins! I relaxed a lot to see the sea and only the sea for a whole week. The ship for how big it is makes sure that the waves even if there is a storm feel very little and I also enjoyed myself and I could sleep better with a few waves that rocked me. The most beautiful part is the arrival in New York with the ship, to see the statue of freedom slowly become larger and larger along with the buildings! And live this experience as it was once done when you wanted to immigrate to the United States, by ship! So you have a dog? You don’t want to put it in the hold of the plane (rightly) travel comfortably and safely and make sure it’s the same for your four-legged friend!

{:}{:it}

Oggi voglio parlarvi di un’importantissima esperienza della mia vita. La mia crociera transatlantica con la compagnia Cunard. Ma partiamo dall’inizio. Sono passati ormai più di due anni da quando io e mio marito abbiamo definitivamente deciso di trasferirci dall’Italia negli States, dopo aver avuto la fortuna di vincere la green card alla Lottery, i vari procedimenti, colloquio al consolato, l’attesa di avere la risposta positiva e poi finalmente la certezza di aver ottenuto la carta verde. Lì abbiamo dovuto riflettere seriamente su cosa fare, come muoverci e anche SE cogliere quest’opportunità oppure stare in Italia vicini alle nostre famiglie, parenti, amici mantenendo i nostri lavori fissi e il continuare a cercare casa da comprare. Ma alla fine abbiamo deciso che il destino ci aveva dato un’occasione e che come minimo avremmo dovuto provare, allora da lì abbiamo dovuto pensare bene a come muoverci, cosa fare, quando, come e dove. Il nostro principale pensiero è stato il nostro bambino peloso, il nostro cane Albert! Purtroppo tantissima gente che anch’essa ha dei cani non ci ha mai troppo capiti e ci chiedeva quale fosse il problema. “Andate e il cane lo lasciate qui no?” E anzi la domanda per loro era proprio retorica, ricordo ancora con quanta leggerezza ci dicevano frasi del tipo: “Il cane lo lasci a tua mamma no?” O quando dicevamo che avremmo trovato il modo per portarlo e accennavamo alla crociera, ci guardavano come se fossimo pazzi. Ma non voglio giudicarli, non siamo tutti uguali! Albert per noi è davvero tutto, è la nostra famiglia, e da quando 4 anni e mezzo fa è entrato a far parte della nostra vita, ne fa parte al 100%, da quel 10 Agosto 2014 siamo in tre in famiglia; quindi le vacanze, gli hotel da prenotare, i ristoranti, insomma qualsiasi cosa, l’abbiamo cercata sempre di organizzare in posti dog friendly dove potessimo stare tutti e tre insieme, com’è giusto che sia!  Ammetto che l’unica volta in cui proprio non l’abbiamo portato è una settimana alle Maldive durante il nostro viaggio di nozze, ed stato con mia mamma che sentivamo tutti i giorni per sapere come stava. Insomma questo è per farvi capire come siamo. Albert è un meticcio che purtroppo per pochi chili supera il peso massimo del consentito per poterlo portare in aereo con noi (il limite nella maggior parte delle compagnie Italiane è 8/10 chili compreso di gabbietta, lui ne pesa 12) e l’idea di metterlo nella stiva dell’aereo, in mezzo alle valigie, 9 ore di volo, da solo, con l’aria limitata, trattato come un bagaglio, lasciato solo dal momento del check-in, molte ore prima della partenza, rinchiuso in una gabbietta non esisteva proprio. Ma come se non fosse abbastanza leggendo su internet quante storie di cani/gatti morti per esser stati in stiva? Per mancanza d’ossigeno? Troppo stress, o dosi sbagliate di sonniferi prescritti da veterinari, insomma non si sa mai come i nostri amici possono reagire. Quindi che fare? Rischiare la vita di Albert anche solo se fosse una piccola probabilità? Mai! Ed è allora che abbiamo trovato la soluzione! Curnard! Cunard è una crociera a tutti gli effetti, transatlantica e ultra lussuosa, l’unica differenza da una normale crociera è che per ovvi motivi non ci sono tappe, viaggiando in mezzo all’oceano Atlantico. La nave parte da Southampton, in Inghilterra e attracca al porto di Brooklyn a New York. Quindi abbiamo organizzato questo viaggio nei minimi particolari circa sei mesi prima: abbiamo preso i biglietti della nave, e abbiamo chiesto ad amici e parenti chi avesse avuto il piacere di condividere il viaggio in macchina con noi in modo da riuscirci ad accompagnare e poi ritornare indietro con la nostra auto. Dei nostri amici sono stati super disponibili e ci siamo fatti 14 ore e mezzo di macchina, viaggiando durante la notte e facendo a turni nella guida e per avere momenti riposo (io non o guidato, c’erano già gli uomini 😉 ). Comunque siamo partiti il giorno 17 da casa, abbiamo pernottato in un piccolo hotel vicino al porto di Southampton e il 19 novembre abbiamo intrapreso la nostra avventura. La nave fa la stessa tratta del Titanic, ma non fatevi inquietare è ultra sicura 😉 ci sono più scialuppe che persone! Non rischiano più di ripetere la storia del Titanic! Ma tornando a noi, è stupenda, super lussuosa, ha cabine grandi e con ogni confort possibile ed immaginabile. Si può mangiare 24h su 24. Cibo di qualità, che varia di giorno in giorno, c’è sia il buffet o il ristorante alla carta, tutto nel prezzo. La cosa bella è la zona dei cani, che alla fine è il motivo per cui noi, e altri padroni di altri 11 cani, ci ha portato a scegliere questo viaggio! Purtroppo la cosa brutta è che i nostri amici a 4 zampe non possono stare con noi in cabina, quello no, ma c’è questa zona a loro dedicata. Sono delle cuccette/gabbiette dove stanno per dormire. Poi c’è l’area giochi interna e lo spazio esterno per portarli a passeggio. Un feedback che farei alla Cunard è che potevano mettere una postazione con dell’erba, anche finta, per dare un pò di senso di natura e liberà ai nostri cani che invece hanno visto solo legno per l’intera settimana.

Comunque dicevo che purtroppo, saliti sulla nave, e arrivato il momento di portare Albert nella zona a lui dedicata, di primo acchito, non ho preso benissimo la separazione dal mio piccolo. Pur sapendo già che non sarebbe stato con noi, (considerando il fatto che lui, oltre a stare tutto il giorno con noi, dorme nel letto. Solitamente avvinghiato a me) l’idea di metterlo in una gabbia di metallo mi ha fatto scendere due lacrime. Mi sembrava di portarlo al canile. Devo dire però che è questione di abitudine, sia per noi che per loro. Già perchè anche nelle giornate col mare più mosso, dove anche mio marito ha avuto il mal di mare, Albert non ha mai sofferto, anche con la tempesta lui e gli altri cani non sentivano nulla. Sarà anche perché l’area dei cani si trova nella zona dietro della nave, che rimane più protetta, al contrario noi, come cabina, eravamo piuttosto davanti. E voi vi chiederete: Sì! Ma come funziona insomma? Vi spiego: ci sono dei ragazzi, di solito di origini Filippine, che si occupano di loro, e noi padroni avevamo orari di visita che erano tre volte al giorno per un paio d’ore. Mattina, pomeriggio e sera. In quei momenti si faceva fare il giretto ai cani nell’area esterna, per farli fare i bisogni alla raccolta dei quali ci pensano i ragazzi che si occupano dei cani. Poi c’è l’area interna dove ci sono comodi divanetti e poltrone dove si può passare la maggior parte di tempo con i nostri cani (anche perchè fuori a Novembre diciamo che non faceva caldo; è anche vero però che se fate le tratte estive e siete quindi in alta stagione vi godrete sicuramente di più l’esterno). C’è poi il momento della pappa, due volte al giorno, e anche a quella ci pensano i ragazzi della Cunard, ti chiedono prima di partire la marca della pappa della quale si nutre il vostro cane e se è una tra le principali marche commerciali, te la forniscono addirittura loro. Inoltre ogni giorno davano a scelta o salmone fresco o pollo. Albert ha mangiato sempre salmone e ovviamente ne andava matto (talmente tanto che avevo paura non volesse poi più mangiare la sua!). Insomma tutto sommato è stata una crociera extra lusso anche per lui. Si è divertito e visto che non passavamo tutto il giorno insieme, si è goduto maggiormente i momenti passati con lui quando lo andavamo a trovare ed era più coccolone che mai!

Certo c’era sempre quel momento di tristezza finiti gli orari di visita, o la notte quando non era con noi, ma sapevamo che stava bene, che era in un posto caldo, al sicuro, dove stava in compagnia di altri amici. Nonostante non vada d’accordo con altri cani si è sempre riusciti a non farlo litigare e anzi a stringere nuove amicizie. Il limite massimo di cuccette per cani è 12, quindi, per questo, bisogna prenotare prima ed essere sicuri di avere la cuccetta, delle quali ci sono due dimensioni, grandi o piccole. 

E adesso vi chiederete, per noi umani invece? Bè che dire: c’è di tutto! Cinema, teatro, sale lettura, sale per giochi da tavola, piscina interna, piscine esterne, idromassaggio, sauna, casinò, insomma qualsiasi genere di confort. C’erano varie serate a tema, come la serata anni 20 o la serata di gala. Ma noi la maggior parte del nostro tempo l’abbiamo passato a mangiare (cucina davvero ottima, se ci penso ora mi manca!) e ad andare dal nostro cucciolotto. Un altro lato positivo è che non si sente il fuso orario, perchè l’ora cambia di un ora, una volta al giorno ed è super non avere il jet-lag che ti scombussola! Inoltre quando si passa sulla zona dove il Titanic è affondato è emozionante perchè una sirena suona e il comandante racconta la  sua storia, da pelle d’oca! Poi siamo riusciti a vedere una balena, delfini, i tramonti del sole con colori spettacolari, mai visti prima, le stelle che si vedevano enormi in tutto il loro splendore (essendo in mezzo al nulla e completamente al buio)! Io mi sono rilassata tantissimo a vedere mare e solo mare per un’intera settimana. La nave per quanto è grossa fa in modo che le onde anche se c’è una tempesta si sentano pochissimo e io tra l’altro per quel poco che le sentivi, io mi divertivo e riuscivo a dormire meglio con qualche onda che mi cullava. La parte più bella in assoluto è l’arrivo a New York con la nave, vedere la Statua della Libertà diventare piano piano sempre più grande assieme ai palazzi, sembrano così piccoli e poi sempre più enormi man mano che stai per arrivare e vedere “Terra” dopo una settimana, che sensazione! Pensare di aver vissuto quest’esperienza come si faceva un tempo, quando si voleva immigrare negli Stati Uniti, via nave! Quindi avete un cane? Non volete metterlo nella stiva dell’aereo (giustamente) viaggiate comodi e sicuri voi e fate in modo che sia lo stesso per il vostro amico a quattro zampe! 

{:}
Previous Post
{:en}Confession of a Fashion Blogger – Part one{:}{:it}Confessioni di una Fashion Blogger – Parte prima{:}
Next Post
{:en}LuLaRoe Long Flowered Cardigan{:}{:it}Cardigan Lungo Fiorato LuLaRoe{:}